Blog

10 Marzo 2016

Educare allo sguardo: lenti e obiettivi

“Se vuoi una vita felice devi dedicarla a un obiettivo, non a delle persone o a delle cose.”
ALBERT EINSTEIN

Dopo avervi illustrato le principali tecniche di esposizione fotografica oggi iniziamo un altro argomento molto utile se vogliamo educare il nostro sguardo alle immagini. Parliamo di lenti e obiettivi. Quali sono, e in che modo possono influire sulla lettura dei nostri scatti?


Gli obiettivi in fotografia avvicinano o allontanano quel che viene inquadrato. Principalmente modificano la vostra relazione con il soggetto e il modo in cui scattate una fotografia. In base a quanto pesa un obiettivo vi permetterà di essere rapidi o, viceversa rallenterà i vostri movimenti. Le sue dimensioni vi potranno rendere visibili o discreti. Il suo livello di ingrandimento del sistema lenti e obiettivi vi trasformerà in un partecipante attivo o in un lontano osservatore. Gli obiettivi possono anche distorcere il senso dello spazio di un ‘immagine dandole un significato minore o maggiore.

La cosa più importante che vorrei comunicarvi è che dall’obiettivo dipende quel che potete fotografare, perchè ciascun soggetto necessita di un obiettivo diverso.

Sembra quasi filosofia di vita non credete?

Vorrei aiutarvi a comprendere alcuni effetti visivi di diversi tipi di lenti. Esaminiamole insieme.

ZOOM E OBIETTIVI FISSI

Esistono due tipi di obiettivi. Quelli che permettono di zoommare avanti e indietro e quelli che non lo fanno. Questi ultimi si chiamano obiettivi fissi  e si fermano su un unica posizione.

OBIETTIVI GRANDANGOLARI

Il grandangolo ci dà l’impressione che chi guarda la foto sia quasi fuori dal contesto in cui accade l’azione che state fotografando e i dettagli marginali assumono un ruolo importante. Sono spesso usati per i paesaggi perchè permettono di catturare un panorama più ampio. Creano molto spazio nell’inquadratura quindi concentratevi sulla composizione dell’immagine. Evidenziate gli elementi su cui volete dare importanza per una buona armonia dello scatto.

TELEOBIETTIVI 

I teleobiettivi fanno apparire più vicini soggetti che sono nella realtà lontani, vi trasformano in un osservatore nascosto, capace di sorprendere soggetti inconsapevoli del vostro scatto. Sono fondamentali quando non riuscite ad essere fisicamente vicini al vostro soggetto per esempio quando fotografate gare sportive o animali selvatici.

OBIETTIVI FISSI

Vi avvicinano al soggetto senza invadere lo spazio dell’altra persona. Il risultato sarà quello di avere delle immagini intime e incredibilmente spontanee. Qui non avete la possibilità di zoomare tutto apparirà naturale e vero. Inoltre gli obiettivi fissi permettono maggiori aperture di diaframma, creando così una minore profondità di campo la quale comporta che i soggetti emergano rispetto allo sfondo. L’attenzione di chi guarda viene catturata dal soggetto o dall’oggetto ripreso e non dallo sfondo che li circonda. 

OBIETTIVI MACRO

Ci permettono di sperimentare la macrofotografia cioè fotografare primi piani molto vicini. Questi obiettivi hanno la capacità di trasformare oggetti quotidiani in forme quasi aliene modificando la nostra percezione del mondo che ci circonda (come l’immagine riportata qui sotto di Edward Weston). L’alto ingrandimento di questi obiettivi implica che non è necessario essere troppo vicini al soggetto.

Pepper Edward Weston

Pepper #30 Edward Weston 1930


Sperimentate i vari obiettivi e divertitevi, troverete con il tempo e l’esperienza il vostro preferito!

 

Commenta da Facebook

Commenti

Commenta da Google+

Blog , , , , , , ,
About Samuela Iaconis

Fotografa, artista e responsabile dei servizi visivi presso il nuovo spazio di lavoro condiviso Coworking Varese Coworking Varese

Leave a Reply